X Questo sito utilizza cookie anche di terze parti, continuando la navigazione l'utente ne acconsente l'utilizzo. Per informazioni su quali cookie vengono utilizzati e su come disabilitarli consultare l'informativa estesa.
Aspesi
ASPESI - Associazione Nazionale tra le Società di Promozione e Sviluppo Immobiliare
28/02/2022
SINTESI INCONTRO ASPESI TORINO CON L’ASSESSORE ALL’URBANISTICA DEL COMUNE DI TORINO – ARCH. PAOLO MAZZOLENI

Una delegazione di ASPESI formata dal Presidente nazionale dell’Associazione, FFO, dal Presidente di ASPESI Torino, Marco Crespi, e dalla Consigliera Delegata Giusy Sferlazza, ha incontrato il nuovo Assessore all’Urbanistica del Comune di Torino, Arch. Paolo Mazzoleni

 

Introducendo l’incontro il Presidente Oriana ha sottolineato che il processo di rigenerazione urbana del territorio del Comune e della Città Metropolitana di Torino va accelerato a fini socio-civili, di miglioramento della qualità della vita, di ecologia ed efficientamento energetico, di ampliamento delle opportunità abitative –in particolare per le fasce sociali nuove e/o meno abbienti- e di attivazione di PIL e nuova occupazione, non solo e non tanto quella temporanea della produzione edilizia, ma soprattutto la permanente e qualificata dei futuri occupanti i nuovi edifici produttivi del terziario avanzato e della nuova industria.  

 

A chi come Lei viene da Milano dove era fino a pochi mesi fa il Presidente degli Architetti“  ha concluso Federico Oriana “ASPESI Torino chiede in particolare di portare a Torino quello spirito che attraverso le operazioni di trasformazione territoriale ha permesso il rilancio generale di una Milano profondamente in crisi all’inizio di questo secolo”.

 

Il Presidente di ASPESI Torino, Marco Crespi, ha quindi esposto le proposte specifiche della nostra Associazione, dopo avere ricordato il pregresso dell’azione di ASPESI verso il Comune di Torino con la precedente Amministrazione: partecipazione alla redazione del Regolamento Edilizio con alcune proposte accolte, tavolo dell’efficientamento energetico e confronto per il nuovo PRG che non è arrivato, però, alla conclusione.

 

Le questioni operative:



  • Il “cavallo di battaglia” ASPESI della dotazione di servizi e aree comuni nel nuovo edificio senza utilizzo di SLP

  • Premialità sia volumetriche che di riduzione oneri per operazioni di recupero

  • Significazione della necessità di incentivi più forti a Torino che a Milano per i livelli dei prezzi di mercato che qui non coprono (a differenza di Milano comune) nemmeno i costi di costruzione più il costo del terreno

  • Tutto questo si può realizzare solo con un nuovo Regolamento Edilizio o, meglio ancora, occorrerebbe mettere mano anche al PRG. Anche perché urge il superamento (come a Milano) del concetto di PRG verso quello di PGT che liberi l’urbanistica cittadina dalla camicia di forza delle destinazioni d’uso

  • Rapporti con la Regione Piemonte: siamo molto favorevoli -e siamo dentro al percorso in via ufficiosa con alcuni esperti ASPESI- al pdl 125 “Marin” che prevede per il Piemonte alcune importanti semplificazioni delle procedure autorizzative assolutamente necessarie per determinare un flusso importante di recuperi di aree degradate e dismesse

  • Ci aspettiamo dal Comune di Torino anche: 1) un censimento aggiornato delle aree degradate e dismesse sulle quali possano esservi incentivi particolari, come ha fatto il PGT di Milano, 2) uno sforzo straordinario di semplificazione burocratica, 3) un rafforzamento significativo ed urgente della macchina comunale in questo settore (tutti i nostri operatori si lamentano dell’insufficienza quantitativa della struttura dedicata), 4) una migliore comunicazione e trasparenza sui percorsi autorizzativi. Per la verifica dei progressi su questi fronti essenziali per l’attività immobiliare a Torino sarebbe utile un tavolo permanente di confronto operativo con la nostra Associazione (di cui fa parte anche ANIEM-API) e con il Collegio ANCE e l’Ordine degli Architetti di Torino.


 

L’Assessore Mazzoleni, molto aperto al confronto, ha per parte sua replicato:

 



  • D’accordo su semplificazione normativa e burocratica come priorità, ma una serie di misure a tale scopo (ad esempio il superamento delle destinazioni d’uso dipendono dalla legislazione regionale che è ancora in Piemonte ben diversa da quella lombarda).

  • Sottolineatura dell’importanza del PNRR anche per la rigenerazione urbana di Torino perché diversamente mancherebbero le risorse. Il Comune si aspetta di vedere il coinvolgimento degli operatori privati nei progetti di recupero del PNRR, in forme che andranno viste e condivise.

  • D’accordo sull’agevolazione dell’intervento privato nella rigenerazione urbana di Torino, ma non in forma di riduzione degli oneri comunali a causa delle condizioni molto critiche delle finanze comunali che hanno imposto un accordo specifico con il MEF e il rialzo dell’addizionale IRPEF comunale.

  • La nuova Amministrazione ritiene di dovere sicuramente cambiare il PRG di Torino partendo dal lavoro già svolto dalla precedente Giunta, ma nel frattempo orienterà i provvedimenti da emettere sulla base del PRG vigente già quanto più possibile nella nuova direzione; in modo da congiungere le due direttrici in un arco di tempo previsto nei due anni occorrenti per l’entrata in vigore del nuovo PRG. In questo programma potranno essere inserite le misure premiali per le nuove realizzazioni residenziali richieste da ASPESI per migliorare la nuova residenzialità a Torino e farla costare meno per motivi sociali.

  • D’accordo su rafforzamento quantitativo della macchina comunale nel settore immobiliare-edilizia, ma andranno individuate le risorse allo scopo e il percorso non sarà breve.


 


L’incontro si è concluso con l’accordo per la costituzione di un tavolo permanente di confronto con le maggiori organizzazioni rappresentative  del settore di cui ASPESI si farà promotrice e con l’invito ad una cena sociale di ampio confronto tra i Soci di ASPESI Torino e l’Assessore Mazzoleni che si terrà lunedì 28 marzo 2022.
Associazione Aspesi - P.zza Diaz, 1 - 20123 Milano - Codice fiscale: 97135100150 - Informativa Cookies - Informativa Privacy