X Questo sito utilizza cookie anche di terze parti, continuando la navigazione l'utente ne acconsente l'utilizzo. Per informazioni su quali cookie vengono utilizzati e su come disabilitarli consultare l'informativa estesa.
Aspesi
ASPESI - Associazione Nazionale tra le Società di Promozione e Sviluppo Immobiliare
13/10/2021
ASPESI si felicita con Giuseppe Sala per la sua rielezione a Sindaco di Milano per il quinquennio 2021-2026 e con il nuovo Assessore alla Rigenerazione Urbana, Giancarlo Tancredi, augurando ad entrambi buon lavoro nel superiore interesse della Grande Milano

Il Sindaco di Milano Beppe Sala è stato rieletto al primo turno senza necessità di ballottaggio, a differenza dei casi di Roma e Torino (per restare tra le grandi metropoli italiane). In tempi brevissimi ha costituito la nuova Giunta che vede nella posizione chiave per il settore immobiliare-costruzioni -quella della gestione del futuro urbanistico di Milano- un nuovo Assessore nella persona dell’Arch. Giancarlo Tancredi. Il nuovo Assessore -che tra le competenze che la Costituzione e le leggi assegnano ai comuni guiderà il settore che riteniamo più strategico per il futuro di Milano - è un tecnico della materia. Dirigente fino ad oggi dell’Area Pianificazione Tematica e Valorizzazione Aree del Settore Urbanistica del Comune di Milano gode della piena fiducia tecnico-professionale del Sindaco che lo ha avuto tra i suoi più validi collaboratori sin dalla sua esperienza di city manager con Letizia Moratti Sindaco in vista di Expo 2015.

La sua nomina nasce da una riflessione del Sindaco alla quale ha partecipato anche ASPESI Milano, sia premendo per oltre un anno e mezzo per la rapida ed efficiente applicazione della nuova legge regionale sulla rigenerazione urbana (la LR n. 18/19 e, in particolare, il cd art. 40-bis), sia contestando la battaglia frontale condotta dalla precedente Giunta comunale contro tale legge. La tesi sostenuta da ASPESI è che, al di là della validità giuridica delle obiezioni del Comune di Milano (indubbia per alcuni profili attinenti ai poteri comunali nella gestione concreta del territorio), una opposizione così radicale e lunga abbia condotto al blocco di fatto del processo di rigenerazione urbana a Milano proprio quando di quella ve ne sarebbe stato più bisogno per contrastare il blocco economico ed immobiliare causato dal Covid. 

Questa nostra convinta posizione -dopo un lungo confronto a distanza sui giornali e nelle consultazioni alle quali ASPESI era stata chiamata nei Consigli regionale e comunale- è stata recentemente portata al Sindaco Sala nel confronto elettorale da noi organizzato tra lui e l’Associazione. In tale occasione le posizioni espresse -rispettosamente ma in modo fermissimo- dal nostro Presidente e dai diversi Soci intervenuti, in particolare sui due maggiori problemi aperti -quello della intollerabile disfunzionalità degli uffici urbanistici ed edilizi comunali e quello del blocco della rigenerazione urbana a Milano- avevano colpito positivamente il Sindaco Sala che aveva promesso di realizzare se rieletto la discontinuità in materia richiesta (motivatamente) da ASPESI.

E discontinuità è stata. Con un nuovo Assessore, diretto collaboratore del Sindaco, e con un nuovo nome -riassuntivo della delega conferitagli- che è già di per sé indicativo di un programma: Assessore alla Rigenerazione Urbana.  Nomen omen, dicevano i romani: mentre la tradizionale denominazione di Assessore all’Urbanistica è indicativa di un potere regolatorio, di un tradizionale ruolo giuridico-amministrativo di un’Amministrazione che sta lì a giudicare i progetti degli operatori privati, l’indicazione già nel titolo della Rigenerazione Urbana indica un obiettivo, il progetto di rinascimento socio-economico-ambientale-territoriale al quale il Sindaco Sala ha dato con questa mossa la conferma di sentirsi politicamente  e professionalmente impegnato.

E Beppe Sala ha dato anche grande prova di lealtà e coerenza personali, perché alla fine del dibattito con l’ASPESI aveva chiesto al Presidente di indicargli una priorità, una sola, e alla risposta di Federico Filippo Oriana che questa era -e non poteva non essere- che la rigenerazione urbana, aveva concluso l’incontro promettendo che su quella si sarebbe impegnato personalmente e in un rapporto di stretta collaborazione partecipata con immobiliaristi e costruttori rappresentati, rispettivamente, da ASPESI  e Assimpredil – ANCE.

Viste tutte queste positive premesse e questa ottima partenza, non possiamo che confermare la nostra fiducia nel Sindaco Sala e nella gestione che la sua nuova Amministrazione assicurerà a Milano, alla sua Città Metropolitana e, in particolare, all’intervento territoriale. Intervento che vedrà la nostra categoria -assieme a quella collegata dei costruttori- sicuramente alle nuove impegnative prove che ci attendono tutti, ognuno nei rispettivi diversi (ma ugualmente necessari e proattivi) ruoli. Nell’interesse non solo di Milano, del suo hinterland e della Lombardia, ma di tutto il Paese, che ha necessità assoluta ed immediata in questa fase di grave difficoltà che Milano torni subito ad esserne faro e locomotiva economica. 

Buon lavoro!

Associazione Aspesi - P.zza Diaz, 1 - 20123 Milano - Codice fiscale: 97135100150 - Informativa Cookies - Informativa Privacy