X Questo sito utilizza cookie anche di terze parti, continuando la navigazione l'utente ne acconsente l'utilizzo. Per informazioni su quali cookie vengono utilizzati e su come disabilitarli consultare l'informativa estesa.
Aspesi
ASPESI - Associazione Nazionale tra le Società di Promozione e Sviluppo Immobiliare
05/02/2021
INCONTRO DELLA DELEGAZIONE ASPESI CON L’ASSESSORE ALLO SVILUPPO ECONOMICO DELLA REGIONE LOMBARDIA GUIDO GUIDESI

 

Il nuovo Assessore allo Sviluppo Economico, Guido Guidesi, ha ricevuto una delegazione di ASPESI guidata dal Presidente dell’Associazione, Federico Filippo Oriana, e composta dal Presidente di ASPESI Milano, Alberto Moro, e dal Consigliere Nazionale ASPESI e Amministratore Delegato di Milano Sesto SpA, Giuseppe Bonomi.

 

Nella sua introduzione il Presidente ha ricordato che il settore immobiliare-costruzioni è il primo settore economico della Lombardia per produzione, occupazione e contribuzione alle casse pubbliche. Ed è anche quello che può nel minor tempo generare un effetto anticiclico per il rilancio dell’economia lombarda, anch’essa molto colpita dalle misure contro la pandemia da Covid19 che ha infuriato più in Lombardia che nelle altre regioni italiane.

 

Ha, poi, sottolineato che, sia per ragioni territoriali e produttive che per indirizzi dell’Unione Europea, un flusso consistente di nuovi investimenti immobiliari può realizzarsi solo su siti già antropizzati, in regime, quindi, di rigenerazione urbana. Che per essere attivata in dimensione significativa ed adeguata, necessita di incentivi e premialità atte a recuperare gli extra-costi di demolizioni e bonifiche che le aree degradate o dismesse richiedono praticamente sempre. In questo senso ha confermato il forte apprezzamento della categoria degli investitori immobiliari rappresentata da ASPESI per la legge regionale lombarda n.18/19 sulla rigenerazione urbana.

 

Tuttavia, ha osservato che l’approccio del legislatore regionale lombardo e, nell’anno e mezzo intercorso dall’entrata in vigore della nuova legge, dell’Amministrazione regionale avrebbe potuto essere più coraggioso ed incisivo sul piano dell’attuazione della legge. In particolare, il Presidente ha ricordato sia gli emendamenti correttivi della legge proposti da ASPESI nell’estate 2020, sia le proposte per una delibera di Giunta Regionale di attuazione della stessa. Si sottolinea: non per aumentare gli incentivi né volumetrici, né di sconto sugli oneri comunali, ma semplicemente per rendere effettiva una legge della Repubblica, preservandola dal rischio di “sabotaggio” sostanziale per resistenze burocratiche o localistiche. 

 

A questo proposito, l’Avv. Bonomi ha sottolineato che il peggior difetto di sistema, in particolare nelle grandi realizzazioni di rigenerazione urbana come MilanoSesto, la più grande ora in corso in Europa, sia l’estrema frammentazione decisionale e il ruolo ritardante delle varie burocrazie statali e locali. Per questo l’Avv. Bonomi ritiene che sarebbe opportuno affidare ad un Commissario -o figura equivalente- i maggiori interventi di rigenerazione urbana a rilievo urbanistico, sul modello seguito per la creazione del nuovo ponte di Genova.

L’Avv. Bonomi ha concluso chiedendo all’Assessore una modifica della recente (estate 2020) legge regionale sulle semplificazioni, troppo timida per le semplificazioni nelle procedure immobiliari-edilizie in particolare per le nuove esigenze post-Covid.

 

Il Dr. Moro, invece, ha da parte sua sollevato il problema di Milano, sia dal punto di vista economico-produttivo che da quello di qualità e attrattività urbana. “I due tipi di valori -ha soggiunto il Presidente di ASPESI Milano- non sono in contrasto tra loro perché l’impulso che potrà e dovrà arrivare dal nostro settore alla città di Milano sarà oggettivamente parametrato al grado di condivisione a livello culturale e delle comunità locali che i nostri progetti sapranno raggiungere”. “In poche parole -ha concluso il Dr. Moro- se saremo in grado di evidenziare il  vantaggio anche socio-ambientale che uno sviluppo di nuova concezione porta alla collettività locale, lavoreremo di più e meglio”.

 

L’Assessore Guidesi ha esordito premettendo che: 1) l’Amministrazione Fontana con la nuova composizione di Giunta ha inteso iniziare un nuovo corso, denominato Fase 2, 2) l’obiettivo che lui si pone come nuovo responsabile dello sviluppo è essenzialmente la creazione di nuovi posti di lavoro, 3) è ben consapevole che nessun programma strategico per l’occupazione sul territorio può prescindere dall’attività immobiliare, 4)  la sua ottica è regionale e guarda, quindi, oltre Milano che ha valenze sue proprie per riprendere la crescita anche in regime di puro mercato.

 

Ciò posto, l’Assessore ha chiesto all’ASPESI di indicargli, in primis, i punti di revisione normativa che potrebbero favorire la rigenerazione urbana nei territori lombardi, sempre consapevoli che per quelli meno dinamici e più lontani dalla capitale ambrosiana occorreranno comunque preliminarmente degli interventi infrastrutturali (come collegamenti ferroviari e prolungamenti delle metropolitane) di competenza della Pubblica Amministrazione o, comunque, della programmazione pubblica.

 

Ma, al di là degli stessi interventi di natura immobiliare e urbanistica, l’Assessore Guidesi ha chiesto ad ASPESI di raccogliere e indicargli idee e proposte di nuove attività economiche per territori lombardi decentrati e attualmente non sviluppati. Iniziando, cioè, dal business e non dall’investimento immobiliare che, comunque, seguirà inevitabilmente per la realizzazione dei contenitori necessari allo scopo. Ciò sul modello di realizzazioni economico-produttive-turistico-ricettive già realizzate a Milano, in altre città d’Italia e, soprattutto, in grandi capitali del mondo. “E’ un appello questo che rivolgo ad ASPESI -ha concluso l’Assessore- in favore della Lombardia, terra dove voi come Associazione avete sede ed epicentro, ma che se saremo tutti bravi risulterà a favore in ricaduta anche della categoria immobiliare che rappresentate”.

 

Il Presidente Oriana ha raccolto positivamente l’appello e, ringraziando l’Assessore per la fiducia accordata all’ASPESI, ha promesso che nessun possibile sforzo o canale comunicativo sarà trascurato per offrire risposte positive e concrete a questo appello giusto e di interesse di tutti i lombardi, auspicando una grande risposta da parte di tutti gli imprenditori ai quali perverrà. 
Associazione Aspesi - P.zza Diaz, 1 - 20123 Milano - Codice fiscale: 97135100150 - Informativa Cookies - Informativa Privacy