X Questo sito utilizza cookie anche di terze parti, continuando la navigazione l'utente ne acconsente l'utilizzo. Per informazioni su quali cookie vengono utilizzati e su come disabilitarli consultare l'informativa estesa.
Aspesi
ASPESI - Associazione Nazionale tra le SocietÓ di Promozione e Sviluppo Immobiliare
14/11/2019
Nuovo PGT di Milano: il reperimento delle aree a standard in regime di salvaguardia

Lo Studio BIP LEGAL informa:

Con la prossima adozione della variante al Piano di Governo del Territorio del Comune di Milano, ci si chiede quali delle disposizioni in essa previste saranno applicabili “in salvaguardia”.

Il T.A.R. Lombardia (Milano, sez. II, 31 agosto 2018 n. 2039) in un caso in cui il Comune di Milano aveva chiesto la monetizzazione delle aree a standard applicando le previsioni del PGT solo adottato (nel 2010), ha ritenuto che “le misure di salvaguardia sono … unicamente finalizzate ad evitare l’immediata realizzazione di interventi che ledano le scelte programmatorie del Comune – quali risultanti dall’adozione del nuovo piano –, ma non si traducono in una applicazione anticipata delle previsioni contenute in quest’ultimo. In particolare, ove l’intervento risulti in sé legittimo e, come tale, si sottragga alla preclusione temporanea di cui all’articolo 12, comma 3, del D.P.R. 380/2001, non può neppure configurarsi la ratio sottesa alle misure di salvaguardia, al solo fine di dare attuazione anticipata alle diverse regole in tema di determinazione degli standard e quantificazione del contributo di costruzione”.

Quindi, secondo i Giudici amministrativi lombardi il Comune non sarebbe legittimato a pretendere il reperimento di aree a standard, o la relativa monetizzazione, in forza del PGT solamente adottato.

L’esecutività di tale sentenza però è stata sospesa in via cautelare dal Consiglio di Stato (sez. IV, 7 dicembre 2018 n. 5916) in quanto “la tesi sostenuta dall’appellante comune di Milano è meritevole di attento esame in sede di merito e che nelle more, nel bilanciamento dei contrapposti interessi, appare opportuno mantenere integra la res litigiosa”.

Bisognerà attendere l’esito del giudizio di appello (previsto per la fine di quest’anno) per sapere come affrontare con certezza tale delicata questione di strettissima attualità.

Nella sezione “materiali e contributi” del sito internet di Bip Legal sono disponibili i testi delle due pronunce.

Associazione Aspesi - P.zza Diaz, 1 - 20123 Milano - Codice fiscale: 97135100150 - Informativa Cookies - Informativa Privacy