X Questo sito utilizza cookie anche di terze parti, continuando la navigazione l'utente ne acconsente l'utilizzo. Per informazioni su quali cookie vengono utilizzati e su come disabilitarli consultare l'informativa estesa.
Aspesi
ASPESI - Associazione Nazionale tra le Società di Promozione e Sviluppo Immobiliare
29/11/2018
Student housing e short renting: mercati ad elevato potenziale in Italia

Secondo recenti studi, tra i mercati europei in cui lo student housing è maturo e pronto per una crescita sostenuta c’è anche l’Italia, affiancata da altri paesi del vecchio continente quali Francia, Germania, Irlanda, i Paesi Bassi e la Spagna. I report hanno  individuato un rapido aumento della popolazione studentesca che richiede sistemazioni di qualitàche stimolerà una maggiore concorrenza per qualità e prezzi.


Si prevede che il numero di studenti internazionali raggiungerà i 7 milioni nel 2020, dai 4,1 milioni nel 2014 e le aspettative per una sistemazione di qualità sono aumentate.


Mentre esiste una chiara tendenza alla crescita del settore degli alloggi per studenti, ogni singolo mercato si trova però, come sottolinea il rapporto, ad un diverso stadio di maturità ed evolve ad una velocità diversa. In città come Torino, ad esempio, esiste un fabbisogno insoddisfatto di alloggi per studenti di circa 30.000 posti letto.


Come comunica Housing Anywere, visto il successo del Programma Erasmus+, a fine maggio la Commissione Europea ha proposto di raddoppiare i finanziamenti per uno dei suoi progetti più noti e seguiti in termini di partecipazione, che prevede un bilancio a 30 miliardi di euro per il periodo 2021-2027. A seguito di questo, si stima che si raddoppieranno anche le adesioni di studenti e tirocinanti provenienti dall’estero. Ma quali sono oggi le mete più ambite in Italia scelte da chi partecipa all’Erasmus? Secondo la piattaforma web leader a livello internazionale per l’affitto di alloggi studenteschi che, come il programma Erasmus, si pone l’obiettivo di favorire la mobilità studentesca. se nel 2017 in Italia le città che hanno registrato il maggior numero di prenotazioni sulla piattaforma da parte di studenti stranieri erano Roma, Milano, Torino e Firenze, nei primi sei mesi del 2018 le prenotazioni vedono ai primi posti Firenze, Pisa, Torino e Milano. Le previsioni, basate sul numero di studenti in cerca di un’abitazione, confermano comunque che a fine anno Milano e Roma continueranno a essere tra le prime mete preferite dagli studenti. Sono tanti i fattori che influiscono nella scelta dell'ateneo e della città dove trasferirsi per un periodo determinato. Un recente studio di Study.EU valuta i paesi ospitanti in base a tre fattori: istruzione (45%), che misura la qualità dell'istruzione; costo (30%), valutando ciò che gli studenti dovrebbero aspettarsi di pagare per vivere e il costo delle lezioni; e Life & Career (25%), valutando la qualità della vita e le possibilità di rimanere e lavorare nel paese dopo la laurea. In questa classifica di 30 Paesi, l’Italia è nella top 10, occupando il nono posto con una percentuale del 60% per la sua capacità di attrarre studenti da tutte le parti del mondo. Ai primi tre posti ci sono Germania, UK e Francia. Quali sono le città italiane che richiamano più studenti stranieri e perché? Nel caso della capitale, che ha accolto più di 9 mila studenti internazionali nel 2017, l'offerta è vastissima tra atenei pubblici e privati, università "generaliste" come La Sapienza, RomaTre, Tor Vergata, e quelli più settoriali. Sul territorio milanese, invece, sono presenti sette atenei (Statale, Politecnico, Bicocca, Cattolica, Bocconi, Iulm e San Raffaele) e diverse istituzioni private come Naba, Ied e Domus Academy, che ogni anno ospitano un numero elevato di studenti stranieri. L’anno scorso se ne sono contati circa 8 mila provenienti soprattutto da Francia, Germania e Spagna. Milano rimane sempre una delle mete più ambite soprattutto tra gli studenti che studiano moda, design ed economia, grazie agli ottimi programmi offerti. Un altro motivo per preferirla ad altre città è il ragionevole compromesso fra servizi di livello europeo e lo stile di vita tutto italiano.


 


Altrettanto potenziale di sviluppo ha il mercato dello short renting con il mercato del turismo che presente un'offerta invariata pur di fronte ad una importante crescita di presenze rilevata negli ultimi tre anni.


In occasione dell'Assemblea annuale Aspesi dello scorso giugno, la Unihousing ha illustrato ai Soci le attività svolte che riguardano appunto la gestione di unità e complessi immobiliari ad uso abitativo e/o ricettivo destinati alla domanda di studenti fuori sede e business traveler.


Al seguente link la presentazione Unihousing

Associazione Aspesi - P.zza Diaz, 1 - 20123 Milano - Codice fiscale: 97135100150 - Informativa Cookies - Informativa Privacy