X Questo sito utilizza cookie anche di terze parti, continuando la navigazione l'utente ne acconsente l'utilizzo. Per informazioni su quali cookie vengono utilizzati e su come disabilitarli consultare l'informativa estesa.
ASPESI - Associazione Nazionale tra le SocietÓ di Promozione e Sviluppo Immobiliare
29/09/2017
RECUPERO EX SCALI FS. EVENTO ASPESI/COBATY CON CINO ZUCCHI ASSEMBLEA ANNUALE ASPESI - NOMINE, COOPTAZIONI, AMMISSIONI

Milano, 14 giugno 2017 - "E' nell'interesse di tutte le parti in causa ma soprattutto della città di Milano portare a termine questa grande operazione nel più breve tempo possibile", ha dichiarato il Presidente Nazionale Aspesi Federico Filippo Oriana in occasione dell'evento organizzato con Cobaty per l'illustrazione della vision di Cino Zucchi "Sette bellissimi broli", nell’ambito della discussione sul futuro di Milano attraverso la riqualificazione urbana delle aree dismesse degli scali ferroviari.
"E' interesse dell'Amministrazione, nelle cui casse entrerebbero 306,5 milioni di euro, da oneri di urbanizzazione, contributi sul costruito e plusvalenze sulla realizzazione della «circle line»; interesse della proprietà, Sistemi Urbani, i cui terreni passerebbero dal valore con cui sono iscritti a bilancio (202 milioni) a circa 450 milioni; interesse degli operatori immobiliari rappresentati da Aspesi, in virtu' dei 670 mila metri quadrati destinati alle costruzioni;  ma soprattutto è interesse di Milano che si avvantaggerebbe del riuso di un milione e 200mila metri quadrati di binari dismessi, di cui il 66% destinato a verde ed il 30% a residenza convenzionata e sociale, con particolare attenzione per l'affitto".
Sul documento, approdato in Aula consiliare nei giorni scorsi, sono stati presentati una cinquantina di emendamenti dalle varie forze politiche che, si spera, non impediranno la chiusura dell'iter - auspicata per il prossimo mese di luglio - per poter dare poi il via alla complessa fase di pianificazione urbanistica.



Come afferma Cino Zucchi "... sono interventi che si realizzano in un arco temporale molto ampio e quindi necessitano di un superamento della visione “funzionalista” che vede il loro disegno come il puro esito di un programma. Il loro nuovo assetto dovrà accogliere e governare futuri incerti e cambiamenti inattesi; imparando dove serve la lezione della città storica, dotata ancora di una “resilienza” che la modernità non sempre ha dimostrato di avere». Il recupero degli scali, dunque, come fenomeno catalizzatore di una radicale trasformazione di una città che sia circolare e sostenibile.
"L'importanza della pianificazione dello sviluppo urbano di Milano - ha commentato Giovanni Bottini di Systematica -  richiede un orizzonte temporale adeguato  e una interdisciplinarità estesa. A questo lavoro comune non possono sottrarsi ne' essere trascurati gli attori principali del costruire. La occasione del recupero delle aree ferroviarie, tema vivo ormai da decenni, è imperdibile per dare un impulso duraturo e di qualità a Milano. Sarà necessario però avere una visione sufficientemente ampia che oltrepassi non solo i confini amministrativi municipali ma anche quelli della città metropolitana per anticipare anziché subire il coordinamento col territorio che gravita su Milano".
L'evento si è tenuto dopo l'Assemblea annuale Aspesi, nel corso della quale sono state annunciate le nomine di Gualtiero Tamburini a Delegato Aspesi al progetto Cluster Finanza Immobiliare (che sarà materialmente ubicato a Roma) e Paolo Buzzetti (Presidente Nazionale ANCE dal 2006 al 2015) a Consigliere Delegato Rapporti Istituzionali di ASPESI ROMA con l'incarico di coordinare il progetto del rilancio dell'Urbe. E' stata poi nominata Consigliere Delegato di ASPESI ROMA Elga Benini con l'incarico di sviluppare, con la guida del Presidente Enrico Antonelli, la nuova sezione capitolina di Aspesi.  
Cooptato, inoltre, nel Consiglio Nazionale ASPESI  Francesco Giaccio, Amministratore Delegato di Johnson Controls-Tyco, primo gruppo al mondo nel benessere, sicurezza ed efficientamento degli edifici.
Deliberata, infine, all'unanimità l'ammissione della ARES (di Angiola Armellini) tra i Soci di Aspesi Roma e della Fontanot  (di Francesco e Laura Fontanot) tra i Soci Aspesi Industria.


Scarica il comunicato stampa

Associazione Aspesi - P.zza Diaz, 1 - 20123 Milano - Codice fiscale: 97135100150 - Informativa Privacy