X Questo sito utilizza cookie anche di terze parti, continuando la navigazione l'utente ne acconsente l'utilizzo. Per informazioni su quali cookie vengono utilizzati e su come disabilitarli consultare l'informativa estesa.
Aspesi
ASPESI - Associazione Nazionale tra le Società di Promozione e Sviluppo Immobiliare
15/10/2021
12/10/2021 - ASPESI Roma incontra i candidati al ballottaggio
foto L
L'incontro con Roberto Gualtieri
foto L
L'incontro con Roberto Gualtieri
foto L
L'incontro con Enrico Michetti
foto L
L'incontro con Enrico Michetti
miniatura L miniatura L miniatura L miniatura L
Gualtieri: “Ripensare gli spazi urbani attraverso la canalizzazione di risorse produttive per interventi di rigenerazione urbana”
Il recupero di una amministrazione efficiente all’interno di una grande strategia basata su crescita, innovazione e coesione da realizzare grazie alle risorse del PNRR, su cui il Governo punta fortemente e di cui Roma dev’essere protagonista. Questo il punto di partenza del programma di Roberto Gualtieri, illustrato in occasione dell’incontro organizzato da ASPESI Roma e Il Timone venerdi' 8 ottobre scorso, che ha aggiunto: ”Bisogna approfittare dell’opportunita' della spinta di investimenti pubblici e privati anche per migliorare la macchina amministrativa. Sul PNRR realizzeremo un ufficio generale di coordinamento a supporto dell’amministrazione. Per alcuni ambiti piu' specifici come tramvie e anello ferroviario, per i quali e' necessario concludere i processi entro il 2025, esistono gia' dei commissari ma non si puo' commissariare tutto. Per il Giubileo, ad esempio, l’idea del mega-commissario mi lascia perplesso. CI siederemo al tavolo col governo valutando governance e risorse. E ci saranno risorse aggiuntive per interventi che, in alcuni casi, si intrecceranno con quelli previsti dal PNRR: sara' quindi indispensabile un coordinamento efficiente per utilizzare in modo efficace le risorse”.
Altre questioni amministrative da affrontare, secondo Gualtieri, sono il potenziamento delle funzioni a partire dal dipartimento urbanistica e l’ufficio condoni, il coordinamento con la legge urbanistica regionale, la questione dell’utilizzabilita' del 110% per il patrimonio comunale e la digitalizzazione di infrastrutture e processi.
In merito alla preoccupazione espressa dall’avv. Cremonesi rispetto alla deadline che impone il compimento delle opere entro il 2026 per ottenere le premialita' previste dal PNRR, Gualtieri ha affermato che di fatto la lista presentata era composta da opere ineleggibili sia per mancanza di progettazione che per l’impossibilita' di rispettare i termini. Per questo motivo si valuteranno stanziamenti per opere realizzabili, in particolare per il trasporto di massa (raddoppio anello ferroviario, Metro C, collegamento con la Roma-Viterbo).
“Quanto ai fondi destinati alla rigenerazione urbana” ha continuato “la ripartizione (con assegnazione di soli 20 milioni) e' stata fatta male, ma abbiamo tantissimi bandi che rendono disponibili molte risorse. Man mano che usciranno questi bandi le amministrazioni dovranno essere molto rapide per ottenere le risorse. Nel caso dei piani urbani integrati, ad esempio, ci saranno cento giorni di tempo per presentare i progetti. La grande operazione da fare, coerentemente con la nostra visione della citta' dei 15 minuti, sara' di coordinare gli investimenti pubblici con quelli privati, non limitandosi a realizzare singoli piccoli interventi separati per ambito tematico ma dando loro una coerenza territoriale, perseguendo un’idea di citta' da riequilibrare, con vocazioni specifiche dei territori, accrescendo la residenzialita' in citta' e i servizi all’esterno”
“Come puo' il capitale privato intervenire? Come si instaura questa collaborazione con il Comune per la valutazione dei progetti, sotto la supervisione della Presidenza del Consiglio? Non e' il caso, come per il Giubileo del 2000, di ri-coinvolgere nel meccanismo decisionale anche la parte economica privata per velocizzare ed efficientare i procedimenti?”. Queste le domande poste dall’ing. Buzzetti al candidato che si e' dichiarato favorevole a questo sistema di coordinamento aggiungendo che il PNRR ha grandi possibilita' di integrazione e canalizzazione degli interventi privati. “Lo sviluppo della citta' non si avra' solo realizzando le opere inserite nel PNRR ma ripensando gli spazi urbani anche attraverso la canalizzazione di risorse produttive per interventi urbanistici volti alla rigenerazione urbana. Giubileo, PNRR e ripresa post Covid devono essere messi a sistema perche' siano la spinta non solo per un “rimbalzo” ma per un vero cambiamento”
Gualtieri ha infine ribadito l’interesse per diversi progetti elaborati dal Laboratorio Permanente per Roma, rendendosi disponibile a valutare in maniera rapida e concreta modi e tempi di realizzazione, oltre a quelli citati dal Presidente Cremonesi, quali il raddoppio del Peschiera, il rifacimento dei depuratori, il parco fluviale sul Tevere.

“Michetti: “Rigenerazione urbana con project financing grazie alla creativita' dei privati”

Semplificazione burocratica e collaborazione con i privati: questi gli argomenti principali trattati nel confronto tra il candidato Sindaco Enrico Michetti e i rappresentanti della societa' civile, professionisti e imprenditori organizzato dal Laboratorio Permanente per Roma di ASPESI e il Timone per l’Italia nel Tempio di Adriano, sede della Camera di Commercio di Roma.
Il programma di Michetti, in caso di elezioni, prevede una revisione profonda della “macchina amministrativa” che valorizzi il merito e lasci da parte l’appartenenza politica. Un dialogo stretto tra funzionari pubblici, professionisti e tecnici per mettere a punto i tanti progetti necessari a non sprecare le risorse per Giubileo, PNRR ed EXPO 2030.
Prima tappa Palazzo Chigi, per la nomina di un Commissario per il Giubileo 2025 (Guido Bertolaso) e l’istituzione di un Agenzia per PNRR ed EXPO 2030 che si trasformi in Agenzia Permanente volta ad intercettare ed attrarre i molti eventi che Roma sara' in grado di ospitare, composta da funzionari pubblici, imprese private e professionisti, ma anche dalle Universita' e da quei corpi intermedi da tanto tempo (e tante amministrazioni) relegati ad un ruolo di spettatori.
Dialogo con le imprese e con gli investitori per modernizzare e rigenerare una citta' che da venti anni non dispone di cosi' tante risorse ed opportunita'.
E inoltre progetti di rigenerazione urbana, infrastrutture, digitalizzazione, aree ed edifici abbandonati da ripensare a nuove funzioni, anche grazie alla creativita' dei privati e da realizzare con accordi di Project Financing.
Sul piano fiscale, ribasso delle aliquote COSAP e TOSAP (anche con metodi di compensazione, a patto che l’esercizio commissariale che si concludera' al 31.12 non riservi amare sorprese), cosi' come per IMU e TARI.
L’avvocato Enrico Michetti, qualora eletto, ha assicurato che sara' “un Sindaco in grado di redigere quelle istanze scevre da elementi ostativi che bloccano lo sviluppo”, forte della sua ultratrentennale esperienza di amministrativista al servizio dei Sindaci del Lazio.
In ultimo, grande disponibilita' ad accogliere l’invito ad un Patto per Roma Capitale, gia' sottoposto a inizio anno dal Laboratorio Permanente per Roma a tutte le forze politiche nell’ambito del dibattito sul Recovery Plan e ribadito ai candidati a Sindaco dall’Avv. Cremonesi e dall’Ing. Buzzetti. Un patto che porti al dialogo e alla collaborazione tra opposizione e maggioranza e coinvolga le rappresentanze sociali e imprenditoriali per far crescere la citta' e riportare Roma ad essere un punto di riferimento per efficienza ed attrattivita'.

Associazione Aspesi - P.zza Diaz, 1 - 20123 Milano - Codice fiscale: 97135100150 - Informativa Cookies - Informativa Privacy