X Questo sito utilizza cookie anche di terze parti, continuando la navigazione l'utente ne acconsente l'utilizzo. Per informazioni su quali cookie vengono utilizzati e su come disabilitarli consultare l'informativa estesa.
Aspesi
ASPESI - Associazione Nazionale tra le Società di Promozione e Sviluppo Immobiliare
04/11/2019
4/11/19 - Cena sociale ASPESI Torino con il Vicepresidente e Assessore all'Urbanistica della Regione Piemonte Fabio Carosso e l'Assessore all'Urbanistica del Comune di Torino Antonino Iaria
La nuova Giunta regionale piemontese vuole il rilancio del Piemonte che lo porti al posto che merita per storia, dimensione, economia e cultura. Per questo occorre una “politica del fare” che si opponga alla “decrescita infelice” che e' purtroppo in atto ormai da decenni. Il territorio e' la prima delle variabili strategiche di questa ripresa per la quale la Giunta Cirio sta operando: sia in termini di trasformazione immobiliare che di infrastrutture.
Questo e' quanto emerso dall'intervento del Vicepresidente della Regione Piemonte ed Assessore all'Urbanistica Fabio Carosso nel corso della cena sociale di ASPESI Torino. “Anche per questo sono lieto di essere stato invitato a questa riunione di investitori immobiliari coordinati da ASPESI Torino”, ha aggiunto, sottolineando l'importanza di fare sistema “guardiamo all’esempio virtuoso di Alba -connesso alle realta' enogastronomicoculturali (e quindi turistiche) di tutte le Langhe, il Roero e il Monferrato- e “noi vogliamo che questo metodo dei distretti tematici si estenda a tutta la regione e ad altri comparti economici come l’industria e i servizi. Anche se penso che il turismo sia in Piemonte quello con maggiori potenzialita' di crescita”. “Per quello che riguarda l’edilizia privata -ha concluso Carosso- non vedo perche' non si possa dar luogo alla demolizione di edifici vecchi e superati per permettere la loro demolizione e ricostruzione secondo logiche modificate nel tempo, come ad es. la creazione di aree comuni”.
Concorde il Presidente Nazionale Federico Filippo Oriana che ha pero' specificato che “quanto ai nuovi edifici gli operatori non potranno fare operazioni di questo tipo -peraltro necessarie - senza premialita'. Perche' se gli spazi comuni entreranno nel calcolo della superficie totale ammessa, nessuno li potra' realizzare. Come nella Legge regionale lombarda sulla rigenerazione urbana in corso di approvazione, vanno dimezzati gli oneri di urbanizzazione e ridotte le tasse, introdotto il principio dell'indifferenza funzionale e, piu' in generale, i bonus volumetrici vanno legati alla qualita' e alla tipologia degli interventi”.
Sostenibilita' ambientale e non consumo di suolo i driver espressi dall'Assessore all'Urbanistica del Comune di Torino Antonino Iaria, favorevole quindi a un recupero di territori ed immobili da rigenerare (come ad esempio la zona industriale dismessa via Cuneo) che sia agevolato da una normativa piu' snella che superi il vecchio concetto di destinazione d'uso introducendo anche nuove tipologie come l'e-commerce e l'uso temporaneo. Appellandosi alla "cultura del fare", l'Assessore Iaria ha infatti evidenziato la necessita' di semplificare gia' a livello regionale le procedure che complicano oltremodo l'attivita' della burocrazia funzionariale spingendo le strutture a procedere in una logica di deresponsabilizzazione.
Il Presidente di ASPESI Torino Marco Crespi e i Consiglieri Carlo Micono, Peter Jaeger e Bruno Sarzotti hanno invitato i rappresentanti delle istituzioni locali ad attivarsi, quindi, sui temi piu' urgenti individuati in maniera condivisa nei temi del recupero e della sostenibilita' ambientale promuovendo, tramite l’Allegato Energetico Ambientale al Regolamento Edilizio ed il miglioramento della Legge Regionale 16/2018, un percorso che consenta di conservare il principio di premialita', in termini di eventuale bonus di cubatura, di scomputo degli spazi comuni dalla SLP, di eventuale sconto sugli oneri di urbanizzazione e/o costruzione, attivando quello che potrebbe essere uno dei fattori di innesco o promozione di un processo virtuoso volto a favorire interventi di riqualificazione a scala urbana ed edilizia.
Associazione Aspesi - P.zza Diaz, 1 - 20123 Milano - Codice fiscale: 97135100150 - Informativa Cookies - Informativa Privacy