X Questo sito utilizza cookie anche di terze parti, continuando la navigazione l'utente ne acconsente l'utilizzo. Per informazioni su quali cookie vengono utilizzati e su come disabilitarli consultare l'informativa estesa.
Aspesi
ASPESI - Associazione Nazionale tra le Società di Promozione e Sviluppo Immobiliare
31/01/2018
18/1/18 - Milano REGeneration 2018 - Prospettive e nuovi scenari urbanistici
foto 1
1
foto 2
2
foto 3
3
foto 4
4
foto 5
5
foto 6
6
foto 7
7
foto 8
8
foto 9
9
foto 10
10
miniatura 1 miniatura 2 miniatura 3 miniatura 4 miniatura 5 miniatura 6 miniatura 7 miniatura 8 miniatura 9 miniatura 10
Una Milano che sta svettando in Europa e nel mondo dopo la grande depressione degli anni ’90 che contributo a questo suo incredibile rilancio ha ricevuto dall’immobiliare? Ossia da grandi operazioni immobiliari di recupero territoriale? È stato questo il tema dell’affollatissimo convegno organizzato da Aspesi e Aspesi Milano al Milano Contract District per salutare con un confronto di contenuto il nuovo anno sociale di Aspesi, l’associazione italiana delle societa' e aziende immobiliari operative.

Dopo i saluti di Lorenzo Pascucci, General Manager del Milano Contract District, e di Alberto Moro, Presidente di Aspesi Milano, il Presidente dell’Aspesi, Federico Filippo Oriana, ha introdotto ricordando la tesi di fondo di Aspesi sul rilancio urbano, valida per tutte le metropoli italiane e non solamente per Milano: solo operazioni immobiliari mirate per la realizzazione di complessi polifunzionali e innovativi hanno la capacita' in un contesto quale quello italiano di avviare in tempi brevi un rilancio socio-economico consistente di una citta' metropolitana.

"Questa ricetta – ha ricordato Oriana - e' stata recepita anche per Roma al Tavolo congiunto presso il Ministero per lo Sviluppo Economico, sia dal Ministro Carlo Calenda che dal Sindaco di Roma Virginia Raggi". Il Presidente ha fatto, quindi, scorrere commentandolo un interessante filmato dal titolo "Milano, la citta' che sale" realizzato da Interni, magazine di interiors e contemporary design, sulle principali operazioni concluse o in itinere che hanno cambiato Milano.

Ha preso, quindi, la parola l’Architetto Cino Zucchi che ha illustrato le proposte del suo Studio CZA sul recupero degli ex-scali ferroviari di Milano, un percorso molto ampio e complesso di ripresa di vaste porzioni del territorio urbano milanese, ubicate in zone diverse ma tra loro connettibili in una logica di sistema urbano. E’ intervenuto, quindi, l’Arch. Leopoldo Freyrie - gia' Presidente nazionale dell’Ordine degli Architetti e ora Presidente della Fondazione Riuso - che con un brillantissimo excursus storico-culturale e' arrivato a presentare i nodi che si pongono attualmente nella problematica delle citta'.

L’Arch. Antonio Villa ha poi presentato - anche con il corredo di un filmato - la complessa operazione immobiliare di recupero delle aree ex-Alfa Romeo nella zona del Portello (Milano Nord).

Il seminario e' stato concluso dall’Arch. Simona Collarini, Direttore Generale dell’Area Pianificazione Urbanistica Generale del Comune di Milano, che dopo aver ricordato il favore anche dell’Amministrazione Sala, su questo in linea con quelle precedenti, per operazioni immobiliari mirate di intervento e recupero territoriale, ha presentato il progetto C40 (Reinventing Cities 40). Un percorso globale varato in collaborazione tra loro da 40 tra le principali citta' del mondo, guidate da Parigi, per sostenere alcuni progetti mirati di recupero di aree dismesse o sottoutilizzate. Il concorso si svolgera' lungo tutto il 2018 e le condizioni di partecipazione per le 5 opportunita' di Milano -Viale Doria, Via Serio, Scuderie De Montel, Mercato Gorla, Scalo Greco Breda- sono rinvenibili sul sito del Comune nell’area apposita. “Il progetto C40-Reinventing Cities Milan del Comune di Milano - ha annunciato il Presidente Oriana concludendo l’evento - sara' sostenuto dall’Aspesi con tutti i suoi mezzi di diffusione e persuasione presso le societa' immobiliari milanesi e italiane”.
Associazione Aspesi - P.zza Diaz, 1 - 20123 Milano - Codice fiscale: 97135100150 - Informativa Cookies - Informativa Privacy